Dopolavoro alla spina

Posted on April 17, 2013 by

0


IMG_01561


Qual è una delle pratiche più diffuse nel mondo del lavoro? Il rituale al termine della giornata di fatiche e formalità aziendali, che in molti paesi europei si celebra in un solo modo: bevendo una birra con colleghi e amici.

La birra, un prodotto della terra. Ma da dove arriva questo liquido amaro e frizzante che produce vari effetti, dal sorriso alla sbornia? Ho parlato con alcuni produttori ed esperti dei birrifici artigianali italiani, anche spinto da una profonda passione per la materia, e mi sono fatto un’idea di come si produce un prodotto di qualità in tempi brevi.

In questo docufilm Brew-IT la parola ai fautori di un movimento in crescita, con mille difficoltà; una storia che è destinata ad avere un futuro.

Mi soffermo, però, sull’utilità del dopo-lavoro e sul rituale catartico della birra con i colleghi. Elenco  qualche beneficio e lascio agli altri la segnalazione dei malefici, come “sparlare dei colleghi non presenti” o “ubriacarsi”.

Prendere una birra al pub con i colleghi (anche uno/una basta) può rappresentare un modo per

  • guardare la giornata lavorativa facendo un bilancio sul benessere generato per se stessi e per i propri colleghi e clienti
  • stemperare tensioni
  • scambiare opinioni su dimensioni extra lavorative
  • conoscere le persone, dietro le professioni
  • dare una lettura più strategica del lavoro della propria organizzazione
  • condividere un modo nuovo di rapportarsi con altre persone dell’organizzazione
  • valutare il proprio contributo in modo auto-critico, auto-ironico
  • rivedere le proprie aspirazioni
  • stigmatizzare i malesseri e proporre nuovi modi di relazionarsi tra colleghi
  • valutare l’impatto di alcune scelte e comportamenti, attraverso gli occhi degli altri

I momenti informali (non solo la capatina al pub) possono condire con sale e zucchero le relazioni professionali e anche innescare i conflitti e la loro risoluzione.

Personalmente mi trovo sempre attratto da questi momenti: li osservo, li vivo, m’incuriosiscono perché mostrano molte differenze tra le visioni del mondo e le visioni del lavoro. Quando chiacchiero con qualcuno al pub, riconosco subito i differenti punti di vista e questo mette in discussione la mia e, al tempo stesso, la modifica e la consolida. La birra aiuta in ogni caso, se poi ti piace sei anche fortunato.

Tornando alla produzione della birra e ai loro protagonisti, ho conosciuto in particolare le persone del Birrificio Rurale e del Birrificio Italiano, passione e professionalità, sempre con il sorriso.

Giuseppe fortunato