Lavori in casa. Mestieri a rischio?

Posted on July 12, 2012 by

0


come-riparare-una-crepa1


Avete mai provato a riparare un muro, un oggetto o un apparecchio in casa?

Forse si, forse no; quelli che lo hanno fatto con discreto successo e adesso si pavoneggiano, quelli che lo hanno fatto e hanno fallito, quelli che dopo il fallimento hanno lavorato sulla propria autostima e poi si sono rivolti ad un professionista.

Le nostre vite sono confortevoli grazie alla bravura di uomini e donne in tuta blu e scarpe infortunistiche.

Beh, ecco l’elenco (incompleto ma efficace) dei mestieri che ci invadono casa alle 8.00 del mattino con la loro valigetta degli attrezzi e con la loro fretta da contagiri. Truffaldini, confidenziali, taciturni, artigiani, saggi e fanfaroni, sono loro e li ringraziamo una volta per tutte quelle che ci hanno risolto un problema e non ci hanno svaligiato. Tutti con regolare fattura.

Idraulico, Tecnico caldaia, Carpentiere, Tecnico serramenti, Tecnico televisore/impianto audio-video, Muratore, Imbianchino, Elettricista, Tecnico telefono/internet, Tappezziere, Vetraio…

Il web è pieno di storie ed esperienze diverse su questi mestieri e mestieranti, e pensare che alcuni di questi sono a rischio come spiega questo post.

Ma la domanda è: “Le nostre case hanno bisogno di questi mestieri?

Se la risposta è SI, allora capiamo come trasmettere le loro capacità manuali, la loro predisposizione all’aggiornamento, la loro bravura nell’utilizzare e scegliere i materiali e gli strumenti che utilizzano.

Se la risposta è NO, allora impariamo noi a come risparmiare soldi impiegando tempo e passione per risolverci le mille beghe che accadono in casa. Le mille strada della collaborazione portano in questi casi a reti di relazioni condominiali in cui l’inquilino del terzo piano è l’esperto di caldaie e la moglie del ragioniere ha un fratello guru del frigorifero.

In ogni caso, quando arriveranno in casa con la loro sapienza accogliamoli con un sorriso: saranno più predisposti a raccontarci come risolvere i problemi in futuro e forse più clementi quando ci chiederanno di onorare le loro prestazioni.

Giuseppe Blu Collar